Settembre 16, 2018|
  • 0
  • 1

Pubblico delle grandi occasioni in un ippodromo ozierese parato a festa Splendida tripletta per Antonello Fadda. Zimbar nell’albo d’oro dell’ippica sarda

CHILIVANI. Pubblico delle grandi occasioni, valutabile in 2500 spettatori, in un ippodromo tirato a lucido con tanto di tappeto rosso per i Vip dell’entourage dello Sceicco Mansoor di Abu Dhabi. Atmosfera da grandi prove ippiche e ce n’era ben donde perché il livello tecnico della manifestazione è stato altissimo. I primi brividi si manifestano con la Wathba Stallion Summer Cup che viene controllata da Manou Taouy sempre in evidenza, incalzata da Zaffiro di Chia, Zaffiro de Lottas e gli altri. Alla piegata si fa sotto anche la compagna di colori Nina Taouy che però si allarga. La grigia Manou Taouy (M. Daverio-E. Botti-A. Fele) scatta allo steccato e fa il vuoto, mentre per il secondo posto rinviene bene la compagna Nina Taouy. Zaffiro de Lottas salva l’onore dell’allevamento sardo cogliendo il terzo posto, davanti a Zoraide by Ziqqurat.

Il 92esimo Derby sardo riporta il pubblico all’antica tradizione del cavallo sardo e alla storia dell’ippodromo inaugurato proprio in occasione del 1° Derby nel 1921. Corsa aperta e animata in partenza da Zen di Montalbo e Zaarkhan mentre un sorprendente Zimbar ed una più intraprendente Zibala de Gonare li tallonano mantenendo le posizioni di rincalzo. Alla piegata è Zimbar (A. Monni-A. Cottu-A. Fadda) a rompere gli indugi scattando in progressione per vincere a mani alzate, regolando Zente, Zibala de Gonare e Zio Frac solo quarto. Grande soddisfazione per il proprietario Antonio Monni di Ardara che ha ringraziato l’allenatore e il fantino. Per Lello Fadda l’ennesima classica e la tripletta di giornata. In premiazione il Comandante della Brigata Sassari cui il Derby di quest’anno è stato dedicato.

Ed eccoci all’attesa “Listed race” (corsa di selezione) per i puro sangue arabi anziani, che la vincitrice Akoya ha controllato rimanendo sempre avanti, tallonata e insidiata dai battaglieri cavalli nostrani. All’ingresso in dirittura Akoya (Landgoed Waterlang-Karin VanDesborg-J.B Hamel) scatta prepotentemente inseguita dal polacco Shadwanalkhalediah e dal francese Ramiz al Aziz che terminano nell’ordine. Sontuose le cerimonie di premiazione.

Il pubblico ha seguito con grande entusiasmo il pomeriggio ippico facendo il tifo per i propri beniamini e rimanendo sugli spalti e nel parterre fino alla corsa “Sheika Lateefa bint Mansoor” che non è stata meno entusiasmante con i bambini sui pony. Ha vinto Sangria montata da T. Enna, allenata da GM. Pala e di proprietà di

C. Calaresu. Nelle altre prove si sono affermati Calaluna (G.G. Solinas-A. Cottu-A. Fadda) nel Pr. Assegnatari Arborea, Heart of Stone (D. Tedde-A. Cottu-A. Fadda) nel Pr. San Martino Srl e Zizzula sarulesa (S. Deiana-GM: Pala-M. Sanna) nel Pr. G. Baroncelli.

Diego Satta

1 Comment

  1. by admin Agosto 10, 2017 11:01 am

    Suspendisse imperdiet tristique orci, a dictum nulla commodo eget. Sed pellentesque pellentesque quam, ac iaculis dui rutrum in. Duis et justo at velit efficitur tristique nec at eros.

Add Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *